12 Giugno 2013

Analisi e proposte economiche per una exit strategy dall'euro

Piano rielaborato sulla base di un lavoro commissionato ad Epic dal Mov5stelle

Ne pubblichiamo un estratto:

  ABSTRACT

 Gli scenari che considereremo sono i seguenti:

1. Cosa succede se il nostro Paese rimane nell'euro così com'è;

2. In che modo il governo italiano potrebbe chiedere di riformare i trattati europei in materia economica (include alcune proposte di exit strategy in caso di rifiuto da parte dell’UE);

3. Quali sono le condizioni, i vantaggi e gli svantaggi dell'introduzione di una moneta per i paesi Ue più forti e di una per quelli più in difficoltà;

4. Cosa accadrebbe nel caso di immissione in corso di una seconda valuta in Italia:

4a. Proposte per rendere più sostenibile la permanenza nell’euro;

4b. Immissione di valuta complementare ( tax backed bonds, moneta alternativa...);

4c. Immissione di nuova lira sovrana a fianco dell’euro.

5. Pro e contro dell'uscita del nostro paese dall'euro.

 


Leggi tutto...
18 Marzo 2016

Le Basi della Teoria Monetaria Moderna

Sebbene la Teoria Monetaria Moderna (da ora in poi MMT) sia la prospettiva con la quale affronto molti argomenti riguardo l’economia sul mio blog, è da un po’ di tempo che non scrivo un post specifico a riguardo. In quest’ottica, ho pensato di tornare ai fondamentali e scrivere una guida per principianti sulla MMT così come la vedo. Eventuali errori che seguiranno saranno solo miei. Per favore fatemi sapere se ne scoprite uno! 

 

Che cosa è l’MMT?

La Teoria Monetaria Moderna (MMT) è un ramo della scuola di economia eterodossa(1), post keynesiana(2).


Leggi tutto...
20 Maggio 2016

Il crowdfunding per il bene pubblico è il Male

 

In questo articolo dello scrittore e giornalista Peter Moskowitz, il cui  lavoro si concentra sulla intersezione dell'ambiente (sia costruito e naturale) e le vite umane, ci racconta la realtà empirica di come il crowdfunding da parte delle istituzioni pubbliche, che scelgono di togliere dai loro bilanci sempre più beni e servizi, sia causa di realizzazioni di opere non sempre giuste per il benessere collettivo ed è causa di sempre più forti disuguaglianze.

L’assunto di base che permette la diffusione di tali forme di raccolte fondi anche nel settore pubblico è il considerare limiti alla spesa pubblica per la realizzazione di beni e servizi in favore di famiglie e imprese. Assistiamo sempre più al dilagare di queste iniziative, giunte ormai anche qui da noi.

Con il patrocinio dell'A.N.C.I, dal Comune di Milano, di Brescia, Saluzzo, Taranto, Palermo, a quello di Sori e la piattaforma MeriDOnare, e al Comune di Napoli è già partita la raccolta fondi per cose che fino a “ieri” ci erano garantite, sicuramente molto poche rispetto alle potenzialità, dalla spesa pubblica di uno, seppur minimo, Stato sociale. Spesa pubblica che invece deve essere ripristinata e potenziata per analizzare, progettare e attuare progetti socialmente utili.

L'interesse pubblico non deve essere messo nelle mani dei privati, anche perché si trasformerebbe in interesse privato, sempre alla ricerca della massimizzazione del profitto. È diritto dei cittadini che un bene pubblico sia gestito dallo Stato, possibilmente bene. L'efficienza può e deve essere cercata a livello statale, senza cercarla nelle mani di pochi privati con il portafoglio colmo, la cui discrezione è tanto soggettiva e poco oggettiva dei bisogni della collettività.

L’invito di “Economia Per I Cittadini” è quello di respingere sempre più la diffusione di queste modalità di realizzazione di opere pubbliche, ma di pretendere che lo Stato le attui con il suo strumento monetario senza che lo si sottragga ai propri cittadini.

Pretendere che le istituzioni riprendano, ed esercitino a pieno regime, la loro funzione di garante dei nostri diritti civili e politici, nonché dei diritti economici, sociali e culturali è un nostro dovere e diritto senza farci abbindolare dalla farsa della raccolta fondi privata per cose che il pubblico ci deve, senza se e senza ma.

 


Leggi tutto...
03 Gennaio 2017

ITALEXIT (Eurostop) - Intervento di Loredana Signorile e Giacomo Bracci (EPIC)

In occasione dell’evento “Ital/EXIT: una via per rompere la gabbia dell’Unione Europea”  organizzato dalla Piattaforma Sociale Eurostop e tenutosi a Napoli sabato 21 maggio, l’Associazione “Economia Per I Cittadini” (EPIC) era presente attraverso le parole di due attivisti soci-fondatori.


Leggi tutto...
05 Gennaio 2017

Quale modello di sviluppo sostenere per l'Europa? Lo decide la BCE!

Abbiamo tradotto il rapporto di Corporate EuropeObservatory(a)pubblicato il 12 dicembre 2016, relativo all'identità delle aziende che beneficiano del nuovo programma finanziato dalla Banca Centrale Europea per stimolare l'economia reale.

La lettura merita più di una riflessione

La Banca Centrale Europea (BCE) crea soldi dal nulla per finanziare solo alcuni colossi del mercato rendendo evidente che non gioca un ruolo super partes.

L'indipendenza della BCE non garantisce che il suo operato sia super partes, al contrario l'indipendenza sembra usata come paravento per giustificare un intervento che viola pesantemente il principio di libera concorrenza. Gli aiuti di Stato alle aziende sono vietati in base a questo principio. Di fatto con il CSPP si avvantaggiano sensibilmente alcuni colossi che già detengono una posizione di vantaggio sul mercato. In estrema sintesi la BCE finanzia con prestiti a bassi tassi di interesse con durata anche trentennale alcune grandi aziende che operano in Unione Europea. I prestiti non sono vincolati alla realizzazione di specifici programmi o piani di interesse comune o all'attuazione di riforme a vantaggio dell'intera comunità, ma al fatto che le obbligazioni che emesse godano di un buon rating. Almeno dovremmo essere risparmiati dal sentire "manager" e politicanti pontificare sulla bontà della "naturale" selezione operata dal mercato che premia le aziende migliori, quelle con più capacità, che realizzano maggiori profitti, che fanno maggiori investimenti.... Come può un'azienda che non ha le dimensioni e il potere per emettere obbligazioni competere con colossi che possono disporre di prestiti anche trentennali a bassi tassi di interesse? Non serve essere economisti per capire che si tratta di un mercato dopato a vantaggio esclusivo di alcune "big company", e i pusher sono le 6 banche nazionali coordinate dal "produttore" esclusivo.... la BCE.

 

La BCE crea soldi dal nulla per sostenere un modello di sviluppo industriale insostenibile dal punto di vista economico, ambientale, e sociale.

Scopriamo che queste grandi aziende appartengono a specifici settori: automobilistico, dei prodotti di lusso, delle infrastrutture e quello energetico limitatamente alle fonti non rinnovabili (petrolio, gas) e al nucleare. La BCE crea soldi ad hoc per sostenere questi settori, certo a noi cittadini non costa nulla in termini finanziari. Di fatto però la BCE sta ipotecando il nostro futuro e quello del pianeta continuando a sostenere un modello di sviluppo che scarica lontano, nel tempo e nello spazio, i propri insostenibili costi ambientali, sanitari, umani e sociali. E' inaccettabile che la BCE con il suo dopare il mercato di fatto impedisca qualunque alternativa a questo folle modello di sviluppo basato su sfruttamento di risorse finite, sfruttamento del lavoro, creazione di inquinamento...

 

La BCE crea soldi dal nulla e insiste nel riversarli sul lato dell'Offerta

E' assurdo che la BCE non crei risorse per finanziare le ricostruzioni post terremoto, la messa in sicurezza dei territori, la tutela ambientale, la creazione dei posti di lavoro necessari per azzerare la disoccupazione.

Il mercato esiste se esistono Domanda e Offerta. Come è possibile che ancora non si accetti il fatto che paracadutare soldi dal lato dell'offerta sperando che sgocciolino fino al lato della domanda, semplicemente non funziona.. Se veramente si vuole sostenere il mercato, la ripresa economica, bisogna sostenere l'altra parte quella della Domanda...ma pare che sia un tabù altro che Walk On The Wild Side

a) Il Corporate Europe Observatory (CEO) è una fondazione non-profit che si occupa di raccogliere e documentare le azioni e gli eventuali effetti del lobbying aziendale (cioè da parte di società nazionali o multinazionali) sui processi decisionali all'interno dei principali organi dell'Unione europea, la Commissione e il Parlamento europeo. E' registrata ad Amsterdam ed ha un ufficio a Bruxelles.

Buona Lettura

 

Il quantitative easing della BCE finanzia le multinazionali e il cambiamento climatico

Corporate Europe Observatory ha decodificato l'elenco dei beneficiari del piano di acquisto delle obbligazioni societarie della Banca Centrale Europea. I risultati sono inquietanti, a meno che non si pensi che petrolio, auto eleganti, autostrade, champagne, e gioco d'azzardo siano sistemi buoni per investire soldi pubblici.

Nel giugno 2016 la Banca Centrale Europea (BCE) ha attivato un ulteriore programma finalizzato a rilanciare l'economia della zona euro. Negli ultimi anni sono state spese ingenti somme nel tentativo di stimolare la crescita - il cosiddetto 'Quantitative Easing' - con prestiti a basso costo messi a disposizione di banche e l'acquisto di titoli di stato, tra le altre misure. Finora, le banche sono state i destinatari principali. Questa volta, la BCE è andata oltre e ha iniziato a comprare obbligazioni societarie - in sostanza, ha iniziato a concedere prestiti a basso costo alle società, il che è fondamentalmente una sorta di aiuto economico ad alcuni dei maggiori attori sul “mercato” Europeo.

Dunque chi sono questi beneficiari? Quali aziende stanno godendo della benevolenza della grande banca?

Solo alcuni nomi sono emersi negli ultimi mesi, dato che la BCE non rivela i nomi delle aziende, ma solo i codici delle obbligazioni. Ebbene, Corporate Europe Observatory è andata a controllarli tutti, e il quadro che emerge è inquietante. In particolare, sembra che la BCE a suo modo stia contribuendo ad alimentare il cambiamento climatico, fornendo un sostegno finanziario sia alle aziende petrolifere e del gas, sia alle case automobilistiche, tra cui, Shell, Repsol, Volkswagen, e BMW.

 

Il programma

Il Programma di Acquisto di Obbligazioni Societarie (CSPP) è stato deciso nel marzo ed è decollato nel mese di giugno. Da allora, la BCE ha speso 46 miliardi di € in obbligazioni societarie (a partire dal 25 novembre 2016) [1]. Secondo una stima, è impostato per raggiungere i 125 miliardi di € entro settembre 2017 [2]. Non propriamente una piccola somma.

Le obbligazioni sono fondamentalmente una forma di prestito. L'acquirente presta il denaro all’emittente, l’interesse è pagato ad intervalli regolari, il valore nominale viene poi restituito a una data fissata, la data di scadenza. Quando un particolare tipo di obbligazioni sono molto richieste sul mercato, le società devono pagare meno interessi. "It feels good to be CSPP’d" [che bello potersi avvalere del CSPP)] ha scritto il Financial Times il 20 luglio 2016, citando una ricerca che mostrava come effettivamente le obbligazioni acquistate dalla BCE andassero meglio di altri titoli.

Emettere un’obbligazione non è semplice, richiede competenza nei mercati finanziari. Molte aziende hanno banche di proprietà che gestiscono le transazioni complesse. Si tratta di un mondo che non è accessibile alle Piccole Media Imprese (PMI), che per ricevere un credito si recano in banca, e di certo non vendono obbligazioni. Per questo motivo, il CSPP è un aiuto prezioso per le grandi aziende, e non per le PMI.

Le obbligazioni non vengono acquistate direttamente dalla BCE. La BCE coordina lo sforzo, ma l'acquisto vero e proprio avviene in modo decentrato, attraverso l’operato di sei banche centrali - tedesca, spagnola, italiana, belga, finlandese e francese. A tutte è stato assegnato il compito di individuare e acquistare titoli attraenti non solo del proprio paese, ma anche in altri paesi, così l'effetto si può propagare in un modo più o meno uniforme.

Tutte le sei banche centrali aggiornano regolarmente le informazioni sulle loro posizioni sul sito Internet della BCE. - [3] Purtroppo, tranne la Deutsche Bundesbank, non rivelano i nomi delle aziende, solo i codici utilizzati per designare una specifica obbligazione, il cosiddetto International Securities Identification Number (ISIN). Ma trovare i nomi tramite il codice ISIN è un lavoro semplice. Corporate Europe Observatory li ha controllati tutti per vedere quali investimenti la BCE abbia reputato degni di denaro pubblico.

Purtroppo, le somme detenute in obbligazioni delle singole imprese non vengono rivelate per una mancanza di trasparenza della BCE. Mentre molti fondi pensione devono pubblicare queste informazioni, sembra che la  Banca nazionale di centinaia di milioni di cittadini europei non sia in grado di farlo! Tuttavia, c’è molto da imparare da questi elenchi.

 

Energia sporca e automobili

Dagli elenchi di Corporate Europe Observatory sembra emergere una strategia coerente in termini di settori. Maggiore priorità è data alle infrastrutture, comprese autostrade, treni, e anche aeroporti. Comunque, il programma non è affatto propiamente focalizzato sui servizi di pubblica utilità. Gli acquisti di obbligazioni nel loro insieme raccontano una storia; il CSPP così com'è, riguarda i cambiamenti climatici. C'è puzza di combustibili fossili nella lista delle società, con alcune delle più grandi compagnie petrolifere che godono di notevole attenzione da parte di  Francoforte. La BCE ha acquistato almeno 11 volte dalla Shell, 16 volte dalla compagnia petrolifera italiana Eni, 6 volte da Repsol, 6 volte dall’austriaca OMV, e 7 volte dalla Total.

E’ però evidente che il settore numero uno è quello dei servizi di elettricità e gas. Se si contano gli acquisti di obbligazioni, per esempio in Spagna, il 53 per cento proviene da aziende coinvolte nel settore del gas, e il numero corrispondente in Italia è un sorprendente 68 per cento.

Anche se gli importi - il totale che la  BCE detiene in queste aziende - non sono disponibili, l'elevato numero di transazioni indica un forte interesse per le aziende che più stanno contribuendo ai cambiamenti climatici.

La propensione per le società energetiche sporche è forte. A meno che Siemens intenda investire nella produzione di turbine eoliche con il denaro ricevuto dalla BCE, l'unica forma di energia 'alternativa' presente sulla lista è il nucleare, con il produttore di uranio arricchito URENCO e la società nucleare finlandese Teollisuuden Voima nella lista.

Gli acquisti di obbligazioni della BCE mostrano anche una forte preferenza per l'industria automobilistica. Questo è più chiaramente visibile nella lista degli acquisti nel Bundesbank tedesca. L'investimento più frequente da parte della BCE è in parità tra Daimler AG (produttore di Mercedes) e BMW con 15 acquisti a testa. Le obbligazioni Volkswagen arrivano a 7, mentre la casa automobilistica francese Renault è a 3. Infine, si deve presumere che la presenza della Exor la holding di partecipazioni della famiglia Agnelli sia per assicurarsi che anche le auto italiane Fiat e Ferrari sentano lo spirito del Natale.

 

Investimenti bizzarri e scandali

L'inclusione nel programma di acquisto di obbligazioni da parte di BCE di alcune società farà aggrottare le sopracciglia, in particolare Volkswagen, coinvolta nello scandalo in corso, Diesel-Gate, sulla rendicontazione fraudolenta delle emissioni.

Nella lista vi sono altre aziende attualmente coinvolte in scandali incluse:

L’estone Eesti Energia, coinvolta nella più grande miniera di sabbie bituminose degli Stati Uniti - [4] - l'energia più sporca che si possa immaginare - e  fronteggiata da una forte resistenza locale;

Ryanair, tristemente nota per il suo disprezzo per i diritti del lavoro; - [5]

La società spagnola Gas Natural famosa per i tagli senza pietà di energia elettrica e gas, che recentemente hanno portato alla morte in un incendio di una anziana donna spagnola costretta ad usare le candele; - [6]

ENEL, il gigante italiano dei servizi energetici, coinvolta nella costruzione di dighe in Sud America che danneggeranno seriamente  le comunità locali - a fronte della resistenza locale sono state registrate violazioni dei diritti umani - [7]

e Thales, produttore di missili, fucili, veicoli blindati e droni militari, che è stato coinvolto in molti scandali di corruzione nel corso degli anni, di cui uno in Sud Africa, che ha portato ad un atto d'accusa dell’allora vice presidente, ora presidente, Jacob Zuma. - [8]

Inoltre, le tre grandi società idriche private, Suez, Vivendi, e Veolia hanno un solido piazzamento nella lista francese degli acquisti. Questo potrebbe suscitare sentimenti di rabbia tra coloro che si oppongono alla privatizzazione dell'acqua, che è stata guidata da queste società francesi.

Altri investimenti appaiono semplicemente bizzarri. Perché, per esempio, enti pubblici dovrebbero investire e quindi sovvenzionare una società di gioco d'azzardo come Novomatic, di proprietà del miliardario Johan Graf con sede in Austria? E perché fondi pubblici dovrebbero fluire nelle casse di produttori di beni di lusso, tra cui LVMH, produttrice dello champagne Moët & Chandon, del cognac Hennessy e delle borse di lusso da donna Louis Vuitton, alcuni dei quali recano sull’etichetta un prezzo di migliaia di euro?

Che cosa è un buon investimento?

Tutto questo pone la domanda: in che modo la BCE sceglie gli investimenti ufficiali? Sembra che ci siano alcuni criteri, e nessuno di questi è di tipo qualitativo. La società deve essere costituita nella zona euro, non può essere una società finanziaria (o di un istituto di credito sotto la supervisione della BCE), non può essere un ente pubblico, e l’obbligazione in questione deve essere sostenuta da un rating positivo. - [9] Oltre a queste, non ci sono linee guida ufficiali di dominio pubblico.

 

Gli investimenti della BCE sono di 'Quantitative Easing' - creare denaro a buon mercato e utilizzabile per sostenere l'economia della zona euro. Le aziende in alcuni casi possono attendere fino a 31 anni prima di ripagare il prestito (la "scadenza" massima è a 31 anni), ma in nessun altro senso il CSPP è un programma di sviluppo a lungo termine. E il suo effetto sull'economia reale è ancora da vedere; se i miliardi di euro pompati in società giganti in realtà portino crescita, posti di lavoro, o qualsiasi altro dato positivo per l'economia della zona euro. Immaginate se questi 46.000.000.000 € fossero stati spesi, ad esempio, per l’isolamento delle case. Una stima approssimativa indica che questo sforzo eminentemente concreto contro il cambiamento climatico avrebbe potuto pagare l'isolamento di 66 milioni di case e avrebbe portato decine di migliaia di posti di lavoro. - [10]


Invece, ciò che è certo è che le grandi somme spese sono in effetti una sovvenzione pubblica per le aziende che peggiorano i cambiamenti climatici, mentre in nessun modo percepibile aiutano le persone comuni a riprendersi dalla crisi economica che dilaga ancora in Europa

1.https://www.ecb.europa.eu/mopo/implement/omt/html/index.en.html
2.https: //insights.abnamro.nl/en/2016/11/euro-corporate-watch-ecb-will-nee ...
3.http://www.ecb.europa.eu/mopo/implement/omt/lending/html/index.en.html
4.http://www.tarsandsresist.org/tag/estonia/
5.http://uk.reuters.com/article/uk-ryanair-denmark-idUKKCN0PI21F20150708
6.http://ccaa.elpais.com/ccaa/2016/11/16/catalunya/1479301923_566406.html
7.https: //corporateeurope.org/sites/default/files/corporate_conquistadors -...
8.http://news.bbc.co.uk/2/hi/business/4408020.stm
9.https://www.ecb.europa.eu/ecb/legal/pdf/celex_32016d0016_en_txt.pdf
10.http://www.kinggroup.ie/web/energy-services/cavity-wall-insulation/

 

 traduzione di Simona Marasi, revisione di Antonello Martinez Gianfreda

Fonte: https://corporateeurope.org/economy-finance/2016/12/ecb-quantitative-easing-funds-multinationals-and-climate-change

 

 


Leggi tutto...

Presenta un Evento

Segnala Eventi

Eventi

Aprile 2017
D L M M G V S
26 27 28 29 30 31 1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 1 2 3 4 5 6
Maggio 2017
D L M M G V S
30 1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31 1 2 3

Archivio

Powered by mod LCA

Economia

Le leggi dei rendimenti in condizioni di concorrenza di Piero Sraffa

Le leggi dei rendimenti in condizioni di concorrenza di Piero Sraffa

Cominciamo subito dicendo che vista la difficoltà dell’autore, il principale lavoro del quale, “La produzione di merci a mezzo di merci”, è stato definito come un’opera straordinariamente concisa e schematica,...

L’irrilevanza dell’equilibrio economico walrasiano - Conferenza di Nicholas Kaldor

L’irrilevanza dell’equilibrio economico walrasiano - Conferenza di Nicholas Kaldor

Il pdf che potete scaricare, dal titolo “L’irrilevanza dell’equilibrio economico” di Nicholas Kaldor è stato pubblicato su “The Economic Journal, Vol. 82, No. 325 (Dic., 1972), pag. 1237-1255”; è consultabile...

Approfondimenti

Costi e fabbisogni standard nella riforma costituzionale: un'altra sorta di pareggio di bilancio?

Costi e fabbisogni standard nella riforma costituzionale: un'altra sorta di pareggio di bilancio?

La riforma Renzi – Boschi più che ridurre il numero dei parlamentari, abolire il CNEL e superare il bicameralismo paritario, recide di netto gli spazi di rappresentanza politica dei cittadini...

Gran Bretagna e Unione Europea: accordi o ricatti?

Gran Bretagna e Unione Europea: accordi o ricatti?

Dei 28 Paesi Membri dell’Unione Europea (UE), ne spiccano alcuni con regole e disposizioni che differiscono in parte o totalmente da quelle con le quali viene regolamentata la vita politica...

Società

Alternanza scuola-lavoro: insensata, inutile e deleteria

Alternanza scuola-lavoro: insensata, inutile e deleteria

Una nota esplicativa del Miur spiega che “l’alternanza scuola lavoro è un’esperienza educativa, coprogettata dalla scuola con altri soggetti e istituzioni, finalizzata ad offrire agli studenti occasioni formative di alto...

Sul fenomeno dei “lavori di merda”

Sul fenomeno dei “lavori di merda”

  Nel 1930, John Maynard Keynes aveva previsto che entro la fine del secolo la tecnologia avrebbe fatto progressi sufficienti da permettere a paesi come la Gran Bretagna o gli Stati...

Eventi

L'associazione Nazionale EPIC è nata con lo scopo di divulgare la MMT e approcci economici eterodossi a tutti i livelli della società.

Riteniamo  fondamentale la scienza dei meccanismi economici studiati e raccolti nella MMT come strumento-base per l'attuazione di politiche economiche  a favore del bene comune e di uno sviluppo della società in senso democratico.

Attraverso l'organizzazione di eventi , workshop, convegni, conferenze,  intendiamo promuovere  e divulgare la MMT come strumento di critica scientifica anche per quel che riguarda  provvedimenti governativi di natura socio-economica e finanziaria attualmente in vigore,  basati  su concetti economici viziati dall'intento di eliminare la funzione dello Stato nella gestione della cosa pubblica e perciò sostituire il pensiero economico dominante con la conoscenza.

Ci riferiamo alla nostra Costituzione nella sua versione del 1948, nel suo valore unificante il territorio nazionale e nella sua luce-guida come strumento di garanzia per i diritti umani e sociali.

Tale approccio, ci porta a riconoscere l'Unione Europea e l'euro come strumenti volti unicamente alla disintegrazione degli stati aderenti, iniziando proprio dai paesi con maggiori difficoltà, fino agli strati più deboli della società, in ognuno di essi. Per Epic, l'unica possibilità di recuperare un senso ai diritti  garantiti dalla nostra Costituzione rimane una uscita dell'Italia dall'euro e la rescissione dei trattati europei

Per l'organizzazione degli eventi ci avvaliamo sia della competenza dei soci fondatori nella materia economica e nella problematica europea sia di contributi provenienti da professori universitari ed esperti di fama internazionale (Università del Missouri – Kansas City).

Vai ai prossimi eventi

Se vuoi saperne di più o se vorresti organizzare un incontro nella tua città invia una mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Il Blog di flex l'uomo flessibile

  • No feeds found!

Blog Money View

Primo piano - Le ricadute economiche della riforma costituzionale

Video in primo piano

Donazioni

Puoi fare una donazione tramiteIBAN: IT53M0335901600100000101247 oppure con Paypal

Importo:  Valuta:

EPIC su Facebook

Epic su Twitter

epic_info Per quelli che pubblico "brutto e improduttivo", privato "bello e produttivo" ... Mentre i lavoratori ex Seat... https://t.co/YvoCMv8hxw
epic_info La crisi è quel periodo in cui si tagliano gli stipendi dei subordinati per aumentare i bonus ed i premi di... https://t.co/CHYQfKgCw4
epic_info Quando si parla di mondo del lavoro e aziende che vanno male rischiando il fallimento, si imputano le... https://t.co/05YF68wsCK
epic_info Alcune date per la proiezione del film PIIGS_The_Movie. Non perdetelo! #PIIGS_The_Movie #EconomiaPerICittadini https://t.co/SbAon6V0zC
epic_info Questo il tweet di Renzi€ a giugno 2015. ora si potrebbe scrivere: "sembrava impossibile dopo il tweet di Renzi€... https://t.co/m3rPehLz0x