Cerca in Biblioteca

Archivio

Powered by mod LCA

Donazioni

Puoi fare una donazione tramite IBAN: IT53M0335901600100000101247 oppure con Paypal

Importo:  Valuta:

Il Grafico più divertente che io abbia mai visto sul perché l’euro è condannato

Se fate ruotare un mappamondo, e fermate il dito 12 volte su 12 nazioni diverse, queste avrebbero più senso come unione monetaria di quanto ne abbia l’Unione Europea.

Questa è la conclusione che deriva da questo grafico così incredibilmente perspicace e che mostra la difficoltà, se non anche l’impossibilità, per l’esperimento Euro.

 

 

Ecco cosa mostra questo grafico. Confrontando più di 100 fattori misurati dal report sulla competitività globale del World Economic Forum (World Economic Forum Global Competitiveness Report ndr), dalla corruzione al deficit, l’analista Michael Cembalest di JP Morgan ha calcolato che i maggiori paesi dell’euro sono più differenti tra loro di ogni gruppo di nazioni preso a caso che c’è, includendo: una finta ricostruzione dell’Impero Ottomano, tutte le nazioni che parlano inglese dell’Africa dell’est e del sud, e tutti i paesi della terra che si trovano al 5° parallelo nord.

E qui c’è una cosa tweettabile: “Una unione monetaria potrebbe avere più senso per ogni paese che inizia con la ‘M’ di quanto ne sta avendo l’euro per quelli dell’eurozona”

Se ti sorprendi a chiederti, come me, come i 50 stati degli Stati Uniti verrebbero misurati con tale metodo, ricorda che la cosa bella degli Stati Uniti è che marchiato a fuoco sulla prima parola del nostro nome non c’è solo l’unione monetaria (per esempio, tutti gli stati usano il dollaro),ma anche una unione fiscale. Se il Mississipi ha un anno negativo (o decine, o centinaia), Washington non discute se si deve forzare lo stato ad alzare le tasse o a tagliare la spesa per renderlo più competitivo. Dobbiamo solamente continuare a pagare il Medicaid, che è semplicemente un trasferimento di denaro dai ricchi americani ai poveri americani, molti dei quali vivono in Mississipi.

La Germania non vuole che sia stabilita qualsivoglia forma di “Aiuto di periferia” – cioè un programma di trasferimento permanente di denaro dal centro alla periferia. E questo è il perché voi dovreste essere ottimisti sul futuro dell’area euro attuale come se si parlasse di una unione monetaria tra tutti i paesi del mondo che iniziano con la lettera ‘M’


Fonte: www.theatlantic.com

traduzione di Daniele Santolamazza