Donazioni

Puoi fare una donazione tramite IBAN: IT53M0335901600100000101247 oppure con Paypal

Importo:  Valuta:

Sei qui: HomeChi siamoDocumenti EPIC

Lo Statuto

Art. 1 Costituzione, denominazione e sede

1) E' costituita l'associazione di promozione sociale, ai sensi della legge n.383/2000, denominata “Economia Per I Cittadini” (di seguito anche EPIC o semplicemente Associazione), con sede Via Giulio Minervini, 175 00119 ROMA. L'eventuale successivo trasferimento della sede sociale non comporterà modifica statutaria.

 

2) L'Associazione non ha fini di lucro e non ha alcuna finalità di svolgimento di attività di natura commerciale, salvo quelle marginali e necessarie come forma di finanziamento per le iniziative e gli obiettivi previsti dal presente Statuto. E’ fatto divieto di ripartire fra gli associati in forme dirette, indirette o differite il patrimonio o i fondi di EPIC. Eventuali avanzi di gestione devono essere destinati interamente alla realizzazione delle finalità istituzionali di cui al successivo art 2.

3) EPIC si strutturerà in gruppi di lavoro, sia sul web sia sul territorio, attraverso appositi regolamenti interni redatti dal Consiglio Direttivo e approvati dall'Assemblea. La parte online, caratterizzata dallo studio e dalla condivisione delle informazioni, sarà il luogo dove si svilupperà la vita organizzativa dell'Associazione, in particolare attraverso strumenti che offre il web come siti, piattaforme di condivisione. La parte sul territorio sarà improntata alla diffusione del lavoro svolto online, all’organizzazione di eventi, incontri e al contatto con le varie realtà e con i cittadini. Per poter diffondere in modo adeguato le attività e le proposte dell'Associazione si provvederà ad utilizzare ogni mezzo disponibile. EPIC si riserva di utilizzare qualsiasi altro strumento in futuro possa essere inventato.

4) La durata dell'Associazione è illimitata.

5) Il simbolo di EPIC verrà scelto in seguito, votato dall’Assemblea degli associati e integrato nei regolamenti. Le denominazioni “Economia Per I Cittadini” e “EPIC”, tutte le opere proprietarie e intellettuali dell'Associazione appartengono ad EPIC stessa e non potranno essere utilizzate senza previo consenso o accordo da parti terze per usi commerciali; tali consensi o accordi spettano all’Assemblea dei soci.

Art. 2 Scopi e oggetto sociale

1) EPIC costituisce un centro permanente di vita associativa a carattere volontario e democratico la cui attività è espressione di partecipazione, solidarietà e pluralismo.

2) L'Associazione intende promuovere, senza finalità di lucro, la conoscenza da parte dei cittadini, delle teorie economiche sviluppate nella storia fino ai giorni nostri e dei contenuti della democrazia economica e monetaria in connessione ai principi fondamentali della Costituzione Italiana del 1948.

Poiché la realtà odierna è complessa, per permettere la più ampia comprensione da parte dei cittadini delle ragioni della crisi attuale e delle disuguaglianze che affliggono la nostra società, EPIC ritiene sia necessario mantenere un approccio mentale il più aperto possibile. Per questo, coinvolgerà e utilizzerà i contributi di studiosi ed intellettuali, i cui studi e analisi potranno aiutare a comprendere meglio il mondo che ci circonda e a formulare proposte coerenti con gli scopi statutari.

3) EPIC si pone COME OBIETTIVI PRIORITARI:

a) la piena attuazione della Costituzione Italiana del 1948 (sovranità democratica);

b) la sovranità monetaria e politica ATTRAVERSO:

- la regolamentazione delle attività bancarie e finanziarie ai fini del pubblico interesse;

- la tutela del diritto al Lavoro e alla piena occupazione;

- la tutela del diritto alla Salute, allo Studio e allo Sviluppo della Persona umana;

- la salvaguardia e la valorizzazione della natura pubblica dei beni e dei servizi;

- la tutela e valorizzazione dell'ambiente, del territorio e del patrimonio artistico, storico e culturale.

Partendo da questi due semi, EPIC vuole far germogliare una serie di politiche per una società più giusta e a misura d’uomo, volte al raggiungimento della piena occupazione, nonché a garantire il rispetto e l’estensione dei diritti dei cittadini.

4) L'Associazione propone un approccio politico, economico e culturale profondamente diverso dall'attuale pensiero economico dominante che, avvalendosi di esperti nazionali e internazionali, mira a portare all'attenzione del paese le teorie economiche quali ad esempio il pensiero post-keynesiano, della Modern Money Theory (o MMT) e della Teoria del Circuito Monetario (sovranità economica).

L’attività di EPIC tende a un rapporto di apertura e dialogo costruttivo con le realtà già presenti su tutto il territorio nazionale (movimenti, comitati, associazioni, ecc.) che perseguono obiettivi affini. L’Associazione si riserva di instaurare collaborazioni con soggetti e organismi extra-nazionali.

5) L’Associazione perseguirà gli obiettivi di cui sopra mediante la realizzazione di attività che a titolo esemplificativo e non esaustivo potranno essere:

- effettuare raccolte pubbliche di adesioni, di firme e di fondi;

- richiedere occasionalmente prestazioni di lavoro autonomo o dipendente, anche ricorrendo ai propri associati;

- organizzare attività culturali di informazione, quali convegni, dibattiti, riunioni;

- promuovere provvedimenti giudiziari a favore dei cittadini, singoli o associati, a tutela dei diritti fondamentali costituzionalmente garantiti;

- promuovere ricorsi contro provvedimenti normativi e/o amministrativi intesi come lesivi dei diritti di cui al punto precedente.

- promuovere referendum o leggi di iniziativa popolare;

- promuovere la mobilitazione dei cittadini anche con partecipazione a pubbliche manifestazioni i cui contenuti siano compatibili o affini con gli scopi sociali.

6) Per lo svolgimento delle suddette attività l'associazione si avvale prevalentemente delle attività prestate in forma volontaria, libera e gratuita dai propri associati. Per grandi manifestazioni afferenti gli scopi istituzionali dell’associazione la stessa potrà, per quell’evento, avvalersi di attività prestata in forma volontaria, libera e gratuita da persone non associate. Potrà inoltre avvalersi, in caso di particolare necessità, di prestazioni di lavoro autonomo o dipendente, anche ricorrendo ai propri associati

7) Economia per i Cittadini si pone come strumento di partecipazione attiva dei cittadini per recuperare le propria capacità di autodeterminazione politica, economica e sociale.

 

Art. 3 Risorse economiche

 L'Associazione trae le risorse economiche per il funzionamento e per lo svolgimento delle proprie attività da:

1) contributi degli aderenti e di privati,

2) contributi dello Stato, di enti e istituzioni pubbliche o di Organismi internazionali,

3) donazioni e lasciti testamentari;

4) entrate patrimoniali,

5) entrate derivanti da convenzioni o da cessioni di beni o servizi agli associati o ai terzi o da iniziative promozionali;

6) beni mobili o immobili pervenuti all'associazione a qualsiasi titolo.

I contributi degli aderenti sono costituiti dalle quote associative annuali, stabilite dal Consiglio Direttivo e da eventuali contributi straordinari stabiliti dall’assemblea che ne determina l’ammontare.

Le quote o i contributi associativi non sono trasmissibili ad eccezione dei trasferimenti a causa di morte e non sono soggetti a rivalutazione.

E' vietato distribuire, anche in modo indiretto, utili o avanzi di gestione nonché fondi, riserve o capitale durante la vita dell'associazione, salvo che la destinazione o la distribuzione non siano imposte dalla legge.

Gli eventuali avanzi di gestione dovranno essere reinvestiti a favore di attività istituzionali statutariamente previste.

Art. 4 Bilancio o rendiconto

L'esercizio finanziario dell’Associazione ha inizio e termine rispettivamente il 1° gennaio ed il 31 dicembre di ogni anno.

Al termine di ogni esercizio il Consiglio Direttivo redige il bilancio consuntivo e lo sottopone all'approvazione dell'Assemblea dei soci.

Esso deve essere visionabile on-line entro i quindici giorni precedenti la seduta per poter essere consultato da ogni associato. Ogni socio può visionare on-line lo stato di fatto patrimoniale, le spese effettuate e le motivazioni di esse.

Art. 5 Soci

1) Il numero dei soci è illimitato e l'Associazione è aperta a tutti coloro che, interessati alla realizzazione delle finalità istituzionali, ne condividano lo spirito e gli ideali.

L'adesione all'associazione è a tempo indeterminato e non può essere disposta per un periodo temporaneo, fermo restando in ogni caso il diritto al recesso. L'adesione è volontaria e avviene secondo le modalità di cui al successivo art. 6. Possono aderire ad essa tutti i soggetti, persone fisiche (a partire dal sedicesimo anno d'età) e persone giuridiche, che si impegnino a contribuire alla realizzazione degli scopi e a osservarne lo Statuto. Per i minori di anni diciotto, sul modulo di iscrizione va raccolta la firma congiunta di uno dei genitori del minore, in segno di consenso.

L'ordinamento interno dell'associazione è ispirato a principi di democrazia ed uguaglianza dei diritti di tutti gli associati con particolare riferimento all'elettività delle cariche associative, all'esercizio del voto individuale ed all'effettività del rapporto associativo.

Art. 6 Criteri di ammissione e esclusione dei soci

1) L'ammissione a socio è subordinata:

a) all'accettazione e condivisione dello Statuto, del Codice Etico e dei regolamenti;

b) alla presentazione di apposita domanda scritta, anche via mail, da parte degli interessati o a compilazione di un apposito modulo di iscrizione;

c) al versamento della quota associativa di ingresso.

2) Sulle domande di ammissione si pronuncia il Consiglio Direttivo. Le eventuali reiezioni devono essere motivate.

3) Il Consiglio Direttivo cura l'annotazione dei nuovi aderenti nel libro dei soci, dopo che gli stessi hanno versato la quota associativa.

4) La qualifica di socio si perde per decesso, per esclusione, per decadenza o per recesso.

Il recesso da parte dei soci deve essere comunicato in forma scritta al Consiglio Direttivo.

L'esclusione dei soci, di norma, è deliberata dall'Assemblea:

a) per comportamento contrastante con gli scopi di EPIC;

b) per persistenti violazioni degli obblighi statutari e regolamentari, nonché del Codice Etico;

c) per indegnità;

d) per decadenza automatica in caso di mancato versamento della quota associativa per 2 anni consecutivi.

Prima di procedere all'esclusione devono essere contestati per iscritto dal Consiglio Direttivo al socio gli addebiti che allo stesso vengono mossi, consentendo facoltà di replica, tranne che per l’ipotesi di decadenza per morosità, per la quale l’esclusione si perfeziona automaticamente con il decorrere del termine previsto per il pagamento.

Il socio receduto o escluso non ha diritto alla restituzione delle quote associative versate.

Nei casi di infrazioni più gravi o di chiaro e comprovato atteggiamento colposo il Consiglio Direttivo può sospendere il socio in attesa di ulteriori decisioni. In caso di sospensione EPIC non si può più ritenere responsabile degli atti del sospeso.

In caso di sospensione o di esclusione, le attività e le iniziative su cui il socio stava lavorando vengono riassegnate dal Consiglio Direttivo alla/e persona/e che questo riterrà più competente/i.

Art. 7 Diritti e doveri degli associati

1) Tutti i soci hanno diritto:

a) di partecipare effettivamente e fattivamente alla vita dell'Associazione;

b) di partecipare all'Assemblea con diritto di voto;

c) di accedere alle cariche associative;

d) di prendere visione di tutti gli atti deliberati e di tutta la documentazione relativa alla gestione dell'Associazione, con possibilità di ottenerne copia anche in formato elettronico.

2) Tutti i soci hanno il dovere:

a) di osservare il presente Statuto, i regolamenti interni, il Codice Etico, nonché le deliberazioni legalmente adottate dagli organi associativi;

b) di partecipare effettivamente e fattivamente alla vita associativa, frequentando l'Associazione e collaborando con gli organi sociali per la realizzazione delle finalità statutarie, ciascuno secondo le proprie competenze e possibilità;

c) di mantenere sempre un comportamento corretto nei confronti dell'Associazione, degli organi associativi e degli altri soci, evitando di attuare iniziative che si rivelino in contrasto con gli obiettivi che ne animano l'operato;

d) di versare la quota associativa annuale.

3) I soci non possono vantare alcun diritto nei confronti del fondo comune, né di altri cespiti di proprietà dell’Associazione.

Art. 8 Organi dell'Associazione

1) Sono organi dell'Associazione:

a) l'Assemblea dei soci;

b) il Consiglio Direttivo;

c) il Presidente;

d) il Vice-Presidente;

e) il Segretario;

f) il Tesoriere.

2) Le cariche associative vengono ricoperte a titolo gratuito, ma ai titolari delle cariche spetta comunque il rimborso delle spese sostenute, autorizzate e documentate.

3) L’elezione degli Organi dell’associazione non può essere in alcun modo vincolata o limitata ed è informata a criteri di massima libertà di partecipazione all’elettorato attivo e passivo.

Art. 9 L’Assemblea

1) L'Assemblea è composta da tutti i soci ed è l'organo sovrano dell'associazione.

Ogni socio potrà farsi rappresentare in Assemblea da un altro socio con delega scritta.  Ogni socio non potrà ricevere più di due deleghe.

2) L'Assemblea ordinaria indirizza tutta l'attività di EPIC e in particolare:

a) approva il bilancio consuntivo e preventivo;

b) elegge i componenti del Consiglio Direttivo;

c) elegge il Presidente, il Vice Presidente, il Segretario e il Tesoriere, tra i membri del Consiglio Direttivo;

d) delibera gli eventuali regolamenti interni e le sue variazioni;

e) delibera l'esclusione dei soci;

f) delibera su tutte le questioni attinenti alla gestione dell'Associazione e su tutti gli altri oggetti sottoposti al suo esame dal  Consiglio Direttivo.

3) L'Assemblea si riunisce in seduta ordinaria su convocazione del Presidente almeno una volta all'anno e ogniqualvolta lo stesso Presidente o il Consiglio Direttivo o almeno un decimo degli associati ne ravvisino l'opportunità.

L'Assemblea si può riunire tramite strumenti telematici che ne assicurino la legittimità, mediante specifici regolamenti interni.

4) L'Assemblea straordinaria delibera:

a) sulle modifiche dell'atto costitutivo e dello Statuto;

b) sullo scioglimento dell’Associazione e la devoluzione del suo patrimonio.

L’Assemblea straordinaria viene convocata dal Consiglio Direttivo o su iniziativa di un numero di soci che rappresenti almeno i 1/5 di tutti gli associati.

5) Sia l'Assemblea ordinaria che quella straordinaria sono presiedute dal Presidente o in sua assenza dal Vice-Presidente o, in assenza di entrambi, da altro membro del Consiglio Direttivo eletto fra i presenti.

6) Le convocazioni sono effettuate mediante avviso almeno dieci giorni prima della data della riunione (ridotti a 2 giorni in caso di convocazione urgente), pubblicato sul sito dell’Associazione in sezione dedicata, nonché inviato per posta elettronica agli indirizzi comunicati dai soci al momento dell’adesione, con obbligo di questi ultimi di fornire risposta dell’avvenuta ricezione contenente ordine del giorno, luogo, data e orario della prima e della eventuale seconda convocazione. L'assemblea in seconda convocazione deve essere tenuta almeno ventiquattro ore dopo la prima. In difetto di convocazione formale o di mancato rispetto dei termini di preavviso, saranno ugualmente valide le adunanze cui partecipano, di persona o per delega, tutti i soci.

Art. 10  Validità delle Assemblee fisiche, votazioni e verbalizzazioni

1) L'Assemblea, sia ordinaria che straordinaria è validamente costituita, in prima convocazione quando sia presente o rappresentata almeno la metà più uno dei soci.

In seconda convocazione l'Assemblea è validamente costituita qualunque sia il numero dei soci intervenuti o rappresentati.

2) Le deliberazioni dell'Assemblea sono valide quando siano approvate dalla maggioranza dei presenti, eccezion fatta per le deliberazioni riguardanti la modifica dell'atto costitutivo e dello statuto per le quali è necessario il voto favorevole di almeno la metà più uno degli associati e per la deliberazione riguardante lo scioglimento dell'associazione e la relativa devoluzione del patrimonio residuo per la quale è necessario il voto favorevole di almeno tre quarti degli associati. Nel caso in cui in prima convocazione non si raggiunga il quorum, in seconda convocazione basta la maggioranza dei presenti.

3) Le deliberazioni adottate dall’Assemblea devono essere riportate su apposito libro dei verbali a cura del Segretario e da questi sottoscritte insieme al Presidente.

Le delibere assembleari devono essere pubblicate sul sito internet.

Art. 11 Consiglio Direttivo

1) Il Consiglio Direttivo è l’organo esecutivo per l’amministrazione e la direzione dell'Associazione. E' formato da un numero di membri non inferiore a 7 e non superiore a 15, eletti dall'Assemblea dei soci, fra i soci medesimi. I suoi membri rimangono in carica 1 anno e sono rieleggibili, possono farne parte esclusivamente gli associati maggiorenni.

2) Nel caso in cui, per dimissioni o altre cause, uno o più dei componenti il Consiglio Direttivo decadano dall'incarico, il Consiglio medesimo può provvedere alla loro sostituzione nominando i primi tra i non eletti, che rimangono in carica fino allo scadere dell'intero Consiglio; nell'impossibilità di attuare detta modalità il Consiglio deve nominare altri soci che rimangono in carica fino alla successiva Assemblea che ne delibera l'eventuale ratifica. Ove decada oltre la metà dei membri del Consiglio, l'Assemblea deve provvedere alla nomina di un nuovo Consiglio Direttivo.

3) Al Consiglio Direttivo spetta di:

a) curare l'esecuzione delle deliberazioni dell'Assemblea;

b) deliberare sulle domande di nuove adesioni;

c) curare l’organizzazione di tutte le attività dell’Associazione;

d) curare l’osservanza delle prescrizioni statutarie, degli eventuali regolamenti e del Codice Etico;

e)predisporre gli eventuali regolamenti che di volta in volta si rendano necessari, facendoli approvare dall’Assemblea dei soci;

f) predisporre il bilancio preventivo e consuntivo;

g) provvedere agli affari di ordinaria amministrazione che non siano di competenza dell'Assemblea dei soci, ivi compresa la determinazione della quota associativa annuale.

4) Il Consiglio Direttivo è presieduto dal Presidente o in caso di sua assenza dal Vice-Presidente e, in assenza di entrambi, da altro membro del Consiglio medesimo eletto fra i presenti.

5) Il  Consiglio Direttivo si riunisce fisicamente o in via telematica mediante gli idonei strumenti, ogni due mesi e ogni qualvolta il Presidente lo ritenga opportuno, o quando almeno 3 membri ne facciano richiesta. Assume le proprie deliberazioni con la presenza della maggioranza dei suoi membri ed il voto favorevole della maggioranza degli intervenuti.

6) Le convocazioni devono essere effettuate mediante avviso e-mail con obbligo di risposta, da recapitarsi almeno 3 giorni prima della data della riunione, contenente ordine del giorno, luogo, data e orario della seduta. In difetto di convocazione formale o di mancato rispetto dei termini di preavviso, saranno ugualmente valide le riunioni cui partecipano tutti i membri del Consiglio Direttivo.

7) I verbali di ogni adunanza del Consiglio Direttivo, fisica e/o telematica, vengono redatti a cura del Segretario e sottoscritti dallo stesso e da chi ha presieduto l’adunanza e devono essere conservati agli atti. Per le riunioni telematiche le verbalizzazioni possono essere sostituite dai “file log” o registrazioni audio e video delle sedute.

8) L’ingiustificata assenza di un membro a più di 3 riunioni annue del Consiglio Direttivo comporta la sua immediata decadenza dalla carica. Il membro decaduto non è immediatamente rieleggibile.

9) Il Consiglio Direttivo può attribuire ad uno o più dei suoi membri il potere di compiere determinati atti o categorie di atti in nome e per conto di EPIC fornendo sempre puntuale riscontro delle operazioni effettuate.

Art. 13 Il Presidente

1) Il Presidente è eletto dall’Assemblea a maggioranza dei voti, egli è il rappresentante legale di EPIC di fronte a terzi e in giudizio, ha la firma sociale sugli atti che impegnano l’Associazione sia nei riguardi dei soci che dei terzi ed è Presidente dell’Assemblea dei soci e del Consiglio Direttivo

In caso di sua assenza o impedimento le sue funzioni spettano al Vice-Presidente o, in assenza, al membro più anziano di età.

2) Il Presidente cura l'esecuzione delle deliberazioni del Consiglio Direttivo

Art. 14 Libri sociali e registri contabili

1) I libri sociali e i registri contabili essenziali che l’Associazione deve tenere sono:

a)il libro dei soci;

b) il libro delle adunanze e delle deliberazioni dell’Assemblea;

c) il libro delle adunanze e delle deliberazioni del Consiglio Direttivo;

d) libro degli inventari, il quale, con riferimento alla fine di ciascun esercizio, deve contenere l'indicazione e la valutazione analitica di tutte le attività e le passività dell'Associazione oltre che la trascrizione integrale del relativo bilancio.

Art. 15 Codice Etico

1) L'attività di EPIC è basata sulla collaborazione di tutti i soci per l’attuazione dei fini statutari. Ogni singolo individuo è tenuto al rispetto del Codice Etico pubblicato e che i soci dichiarano di avere letto condiviso e accettato.

Art. 16 Scioglimento

1) In caso di scioglimento per qualunque causa, l'associazione devolve il suo patrimonio ad altre associazioni di promozione sociale con finalità identiche o analoghe o comunque per fini di utilità sociale.

Art. 17 Rinvio

1) Per quanto non previsto dal presente statuto valgono le norme di legge vigenti in materia.


Approvato il 15 novembre 2014 dall'Assemblea Straordinaria dei soci