Cerca in Biblioteca

Archivio

Powered by mod LCA

Donazioni

Puoi fare una donazione tramite IBAN: IT53M0335901600100000101247 oppure con Paypal

Importo:  Valuta:

Krugman lavora di nuovo sulle affermazioni della MMT: i problemi legati all’oro e al bitcoin

In un articolo davvero bello, Paul Krugman fa saltare l’orientamento anti-sociale di coloro che spingono in favore dell’oro o del bit-coin, come se potessero essere un'alternativa alla moneta di Stato, vedere qui 

Come vedete, lo Zio Sam è fortemente determinato a generare iperinflazione attraverso la rincorsa ai deficit del presidente Obama e il lancio di denaro ‘dagli elicotteri’ del presidente Bernanke (presidente della FED ndr). Per proteggere voi stessi, avrete bisogno di comprare oro e bitcoins, proprio come ADESSO!

 

Ovviamente, i venditori di oro, come hanno fatto i gemelli Winklevoss (li ricorderete dal film The Social Network, loro sono grandi investitori in bitcoins) amano promuovere il paragone tra gli Stati Uniti di oggi e la Weimar e lo Zimbabwe del passato. Sicuramente, molto presto avrete bisogno di prendere cariole di carta-moneta verde, per comprare una pagnotta di pane dagli Hannafords o dai Safeways del posto. Coloro che spingono in favore dell’oro e dei bit-coin, si sono affrettati per ottenere una maggior sicurezza rispettivamente dell’oro e dei bitcoins.

Ero stato incoraggiato a scrivere un blog sul bitcoin dai commentatori, e avevo accumulato alcune ricerche per farne poi un articolo. Oops, troppo tardi. I Bitcoins stanno collassando più velocemente dei titoli internet nel crollo delle aziende di settore.

Krugman, indica correttamente quale sia il problema con queste “monete alternative”: non hanno nessuno Stato dietro di loro.

Nel caso della moneta di Stato, Krugman dice:

"Le monete di carta hanno valore perché esse sono sostenute dal potere dello Stato, che le definisce come corso legale e le accetta per il pagamento delle tasse".

Notate come egli sia scivolato involontariamente nelle varie affermazioni sostenute dalla MMT, che infatti asserisce che “le tasse conducono la moneta” (ovviamente senza specificare questa fonte, ma non importa; se afferma una cosa giusta, va bene comunque).

La nostra affermazione è la seguente: le leggi che hanno corso legale non sono né necessarie né sufficienti per condurre una valuta. Esse non sono sufficienti perché sono estremamente difficili da far rispettare (i re erano soliti scaldare le monete a fuoco caldo e premerle nella fronte di coloro che si rifiutavano di accettarle, ma io dubito che vedremo il presidente Obama fare ciò ai giorni nostri ai sostenitori dell’oro o dei bitcoins ). Tra l'altro non sono neanche necessarie, perché un obbligo legale a pagare le tasse nella valuta corrente di Stato, è già di per sè sufficiente a condurre la moneta.

Quindi, ciò che diciamo noi è che, mentre le tasse potrebbero non essere necessarie per condurre una moneta, esse sono però certamente “sufficienti”. Basta imporre l'obbligo di pagare le tasse allo Stato nella valuta corrente, ed il gioco è fatto.

Ora, cosa guida però l’oro e il bitcoin? Beh, l’oro ha un valore non-monetario, e solo un folle rifiuterebbe un’offerta tale. Quindi la domanda è quale valore abbia. Sapete che potete sempre rivendere l’oro all’ufficio del dentista o in una gioielleria. Quindi, al limite, voi accetterete l’oro al valore determinato dal mercato per l’uso non-monetario di quest'ultimo. Come ho già detto, il volume globale totale dei lingotti d’oro è solamente qualcosa come nove metri cubi (di oro ndr). Un po’ grande per depositarlo nella tua cantina, ma piuttosto piccolo relativamente alla popolazione globale. L’oro rimarrà comunque un elemento di valore, almeno finché gli alchimisti non impareranno a produrlo al di fuori dei modi comuni.

E che dire a proposito dei bitcoins? Beh, l’offerta è limitata da qualche formula matematica (ma ho una confessione da farvi: non so quale sia tale formula, e molto probabilmente, non potrei risolverla neanche se la conoscessi, quindi non voglio falsificarla). Questa sarebbe dovuta essere la cosa bella.

Krugman cita Winkledinker come segue:

“Noi abbiamo scelto di mettere i nostri soldi e la nostra fiducia in una struttura matematica che è libera da errori politici ed umani”.

Quindi, l’offerta sarà mantenuta scarsa, a differenza del dollaro che il team Obama-Bernanke sta stampando in grandi quantità. Nessun errore umano distruggerà mai il valore del bitcoin!

Per tale ragione, con una domanda che supera continuamente l’offerta, i bitcoins possono solo aumentare di valore. Ad un tasso di crescita accelerato. Meglio comprarli subito!

Oops! Qualcosa è accaduto sulla via per la beata ricchezza. Prima che io potessi scrivere un blog, la maledetta bolla speculativa è scoppiata.

Come vedete, il bitcoin non è utilizzato oltre alla circolazione illegale di prodotti. E mentre c’è ancora una copiosa illegalità nel mondo, le banconote da 500 euro “svolgono il loro lavoro” molto bene nel mantenere attiva la circolazione delle sostanze stupefacenti illecite e la circolazione delle armi.

(A proposito, Zio Sam, perché non stampare fino a mille banconote da $1.000 per tenere il passo degli europei, aiutando a finanziare il traffico di droga?Diamine, sarebbe ancora più conveniente con alcune banconote da $50.000 attraverso l’ATM [sportelli bancari ndr] dell’ HSBC (uno dei più grandi gruppi bancari del mondo ndr). Chi ha bisogno della moneta da un trilione di dollari per “risolvere” il problema del deficit USA?)

Il pensiero era che i bitcoins fossero la perfetta valuta “fiat”. Non vi era nessun governo “iper-inflazionante” a distruggere il loro valore. Si lascia al mercato la possibilità di determinarne tale valore.

Ma perché dovreste accettare questi bitcoins? Perché lo fanno tutti. Io accetto i bitcoins perché so che un qualsiasi altro tizio li accetterà (es. Billy Bob). E questo BillyBob li accetterà perché sa che Buffy Sue (un altro tizio) li accetterà a sua volta. E così via. E fin quando avremo cocainomani, i bitcoins avranno valore perché i cocainomani li accetteranno.

Io l’ho sempre chiamato l’argomento del “regresso all’infinito”. Negli ultimi 20 anni, i critici della MMT hanno sempre sostenuto che ci stavamo sbagliando. I dollari NON sono accettati a causa dell’imposizione fiscale che sta dietro di loro. No, i dollari sono accettati perché noi tutti crediamo che essi saranno accettati.

Non abbiamo bisogno di alcuna tassa imposta dallo Stato per creare una sorta di riserva di dollari. È solo una sorta di delirio di massa che dà loro valore. Essi hanno valore perché noi pensiamo che abbiano un valore. E fino a quando tutti noi penseremo ciò, i dollari saranno accettati. E dato che, come stiamo dicendo, saranno accettati, allora avranno valore. Un bel cerchio logico.

In effetti, questa è la storia alternativa principale riguardo l’origine della moneta. Vedete, Robinson Crusoe e Venerdì erano d’accordo ad utilizzare conchiglie di mare come mezzo di scambio (baratto). Le conchiglie, che altrimenti sarebbero state quasi senza valore, venivano accettate perché proprio loro erano d’accordo nell’accettarle. Ciò era più conveniente, come potete vedere. E così via, fino ad oggi. Il sistema monetario fa affidamento su Billy Bob (Tizio) e su Buffy Sue (Caio) e sulla fiducia che loro continueranno ad accettare dollari, yen, euro e così via.

Giusto. I Bitcoins erano il reale esperimento mondiale per testare l’infinita visione regressiva della moneta.

Come funziona tutto questo secondo voi?

Beh io rimarrò della giusta idea, cioè con la visione di una valuta guidata dalle tasse.

 


 

Scarica il file PDF 

 

testo duplicabile o utilizzabile da terzi, dietro citazione di Epic come fonte.

 

Fonte articolo: http://www.economonitor.com/lrwray/2013/04/16/krugman-does-mmt-again-goldbugs-and-bitbugs/

Fonte immagine: http://www.cobraf.com/forum/immagini/thumbs/R_123470707_2.gif

Traduzione a cura di Daniele Santolamazza