Cerca in Biblioteca

Archivio

Powered by mod LCA

Donazioni

Puoi fare una donazione tramite IBAN: IT53M0335901600100000101247 oppure con Paypal

Importo:  Valuta:

Piena occupazione e sostenibilità ambientale - Parte 2

di Mathew Forstater, Direttore del Centro per la Piena Occupazione e la Stabilità dei Prezzi (CFEPS) della Università Missouri Kansas City (UMKC).

Working Paper N° 13

prosegue dalla prima parte

II. Gli approcci tradizionali alla disoccupazione e al degrado ambientale sono insufficienti sia per raggiungere la piena occupazione che per la sostenibilità ecologica.

Gli approcci tradizionali per promuovere la piena occupazione sono nella gamma delle tradizionali prescrizioni neoclassiche, basate sul punto di vista che i mercati, senza condizioni, tenderanno alla piena occupazione per conto proprio, con l’integrazione di approcci keynesiani e post keynesiani che sottolineano la gestione della domanda attraverso la politica fiscale e monetaria. Nella visione neoclassica, se tutti i mercati, compresi i mercati dei fattori, sono in concorrenza perfetta, il meccanismo dei prezzi assicura che l'economia tenderà alla piena utilizzazione di tutte le risorse, compreso il lavoro, nel lungo termine. La concorrenza perfetta richiede anche altre ipotesi, come quella che tutti gli agenti abbiano perfetta conoscenza e perfetta previsione, di tutti i fattori che siano perfettamente divisibili e perfettamente sostituibili, e così via. La stessa flessibilità che garantisce che l'economia tenda alla piena occupazione, garantisce inoltre che l'economia di piena occupazione si regolerà facilmente ai cambiamenti strutturali e tecnologici. La disoccupazione è sia volontaria che dovuta a imperfezioni del mercato, comprese le retribuzioni minime, i regolamenti, i sindacati, ecc. ecc.; sono quindi richieste la deregolamentazione e la promozione di condizioni di concorrenza.

Keynes ha dimostrato che la visione neoclassica della macroeconomia era viziata e che l'economia non tende alla piena occupazione nemmeno in condizioni di concorrenza (inoltre Keynes ha respinto anche alcune delle ipotesi del modello neoclassico, ad esempio come conoscenza perfetta). Il capitalismo è intrinsecamente vincolato alla domanda e quindi il governo deve stimolare la domanda aggregata attraverso misure di stimolo fiscale e di tassi di interesse inferiori. Ma, mentre la gestione keynesiana della domanda può riguardare l'effettivo problema della domanda, non affronta il problema del cambiamento strutturale: “Il riferimento alla differenza tra la produzione potenziale ed effettiva in termini aggregati … diventa inutile per discutere le condizioni di accumulazione ... una volta che il sistema è stato portato a piena capacità mediante politiche "keynesiane" sul breve periodo. (Halevi, 1983, p. 347)

Un'economia del settore privato stimolata alla piena occupazione sperimenterà strozzature nella produzione e altre rigidità strutturali che si tradurranno in disoccupazione, inflazione e lenta crescita (Lowe, 1976). Inoltre, l'analisi keynesiana non riconosce la funzionalità della disoccupazione e della capacità in eccesso delle economie capitaliste. Le aziende pianificano delle capacità di riserva per essere in grado di rispondere ai cambiamenti del mercato. Ciò si traduce in un eccesso di capacità a livello di settore e di economia nel suo complesso. Eserciti di riserva del lavoro sono riprodotti anche nel corso della accumulazione di capitale, e l'esistenza della disoccupazione tiene bassi i salari e disciplina i lavoratori; fornisce inoltre una riserva di lavoratori a disposizione delle imprese, come l'economia si espande. Le soluzioni al problema della disoccupazione devono affrontare la questione della funzionalità.

Inoltre, anche se la gestione keynesiana della domanda potesse raggiungere la piena l'occupazione, potrebbe essere distruttivo per l'ambiente. Dato che la concorrenza costringe le imprese a basare le loro decisioni sulla minimizzazione dei costi privati, ci sono notevoli ostacoli alla produzione di “beni verdi”, utilizzando tecnologie pulite e fonti alternative di energia. In assenza di un programma ambientale globale, espandendo tutto il settore privato attraverso lo stimolo keynesiano, si assicurerebbe un maggiore uso di risorse non rinnovabili, più inquinamento, e più prodotti con cicli di vita brevi e che danneggiano l'ambiente. Pompare il settore privato non vuol dire affrontare le questioni relative alla composizione dei prodotti e la struttura tecnologica della produzione, così cruciale per la sostenibilità:

Anche se fosse possibile espandere la domanda abbastanza per promuovere una crescita sufficiente a tenere il passo con la crescita della forza lavoro e la crescita della produttività, e assorbire l'enorme scorta di disoccupazione di lunga durata, come potrebbero gli ecosistemi naturali, già sotto grande tensione, farvi fronte? Vi è la necessità di modificare la composizione del prodotto finale verso le attività eco-sostenibili. Non è di per sé un aumento della domanda che è necessario, ma l'aumento della domanda in certi settori di attività. (Mitchell, 2000, p. 113 n8)

Gli approcci tradizionali ai problemi ambientali non sono in grado di affrontare la maggior parte dei problemi ambientali che devono affrontare le moderne società industriali. Le realtà delle condizioni biofisiche impongono limiti che è improbabile possano essere “catturati” dal dominante quadro di riferimento per affrontare i problemi ambientali nella teoria economica. Sia negli approcci Pigouviani che Coasiani, i costi sociali e le parti interessate si assume siano identificabili, ed i costi e i benefici misurabili. Ci sono un sacco di problemi con questi ed altri presupposti, e un sacco di altri problemi – come pure l’assegnazione di valori monetari alla vita, alla salute, e alla natura, per esempio. Ma in entrambi gli approcci, una volta che raggiungiamo "l’ottimo sociale" - supponendo che si possa arrivare lì - se è attraverso le tasse e le imposte o attraverso la contrattazione e l'assegnazione dei diritti di proprietà, ci ritroviamo con quello che viene chiamato il livello "ottimale" di inquinamento (o di esaurimento). Ottimale in relazione a cosa?! In relazione alle preferenze definite in senso restrittivo, della produttività e della redditività. Ma non c'è una relazione necessaria tra i livelli ottimali di esaurimento delle risorse e di inquinamento e le condizioni biofisiche per un'economia sostenibile. In un contesto in cui tutto deve essere ridotto a valori monetari, le differenze qualitative tra i diversi costi e benefici in termini di conseguenze ambientali non vengono considerate.

In realtà, un buon modo per dimostrare il problema è quello di pensare alla differenza delle analisi tra i costi-benefici e le analisi costo-efficacia. Nel rapporto delle analisi costi-benefici (analisi che nei Pigouviani e Coasiani sono di forme particolari), le estremità della politica sono determinate dall’analisi (economica) stessa. La quantità di inquinamento emessa, la quantità di una risorsa nell’esaurirsi, le zone umide da preservare, saranno l'importo corrispondente all'equilibrio. Nell’analisi costo-efficacia, d'altra parte, le estremità sono determinate al di fuori dell'economia, per esempio da un processo politico democratico informato da metodi scientifici per quanto riguarda i limiti biofisici. L’economia viene poi impiegata per cercare di trovare il miglior rapporto costo-efficacia per raggiungere quelli come indipendentemente determinati dalle estremità. Si tratta di una differenza enorme. Per ottenere questo punto, per alcuni può essere più utile menzionare che costi-benefici possono essere utilizzati per derivare il livello ottimale di lavoro minorile, il livello ottimale di schiavitù, o il livello ottimale di criminalità. (Ciò non implica che il danno ambientale è eticamente uguale alla schiavitù. Nel caso di questi esempi, essi sono discutibili per una causa etica, mentre gli esempi biofisici possono essere pensati per essere discutibili semplicemente perché fanno un sistema insostenibile.).

Non si sostiene qui che gli approcci del tipo standard sono inutili. Le imposte possono giocare un ruolo molto importante. Il punto è che dovremmo liberarci dall'idea che ci riprenderemo per un ciclo economico equilibrato che garantisca la sostenibilità. Come e finché le condizioni biofisiche informano le estremità, gli incentivi di mercato possono essere utilizzati nei casi dove sono convenienti. Un programma di politica globale dovrà includere un un'ampia gamma di strumenti politici; dalla regolazione diretta di imposte, tasse e sovvenzioni, fino a permessi trasferibili o a quote di licenze. Ognuno di questi ha i suoi punti di forza e dei punti deboli, e possono essere più o meno appropriati in circostanze diverse.

Un programma di sostenibilità globale è necessario per spostare le industrie delle moderne economie verso un percorso sostenibile. Soddisfare le condizioni biofisiche per un’economia sostenibile significa affrontare seriamente gli attuali tassi di esaurimento delle risorse non rinnovabili e rinnovabili, le quantità locali e globali e la qualità delle emissioni, la perdita di biodiversità, l'erosione del suolo, e altro ancora. Tale iniziativa dovrà affrontare gli aspetti tecnologici strutturali della produzione e la composizione della produzione e del consumo. Questo sarà dirompente, nel senso che ci saranno prodotti "vincenti" e "perdenti” – produttori, occupazioni, competenze, tecnologie, imprese e aziende possono diventare obsolete, delle nuove saranno necessarie, alcune diventeranno meno importanti, altre diventeranno più importanti. Questi tipi di trasformazioni strutturali e tecnologiche esacerberanno il problema del cambiamento strutturale, già una sfida importante senza un grande programma di politiche ambientali. In assenza di un efficace programma di piena occupazione, tale iniziativa probabilmente aggraverà i problemi di disoccupazione delle economie capitaliste.

III. Un servizio pubblico di impiego o un approccio di Job Guarantee basato sulla finanza funzionale può conseguire la piena occupazione, ed anche presentare l'opportunità di promuovere la sostenibilità ambientale.

Le economie capitaliste non regolamentate, o mal regolamentate, soffrono la persistente disoccupazione e il degrado ambientale. Le politiche tradizionali per affrontare uno dei due, di questi problemi, difficilmente garantiscono sia la piena occupazione che la sostenibilità ambientale. Inoltre gli approcci tradizionali alla piena occupazione, anche se efficaci, probabilmente comporterebbero un maggiore degrado ambientale, mentre gli approcci tradizionali alla sostenibilità, anche se efficaci, probabilmente aggraverebbero la disoccupazione. C'è un programma politico in grado di ottenere la piena occupazione e la sostenibilità ambientale?

Le recenti proposte per un servizio di pubblico impiego (PSE) o un programma di lavoro garantito (JG) basato sulla finanza funzionale possono affrontare sia il problema della domanda effettiva che quello del cambiamento strutturale. Affrontando il problema della funzionalità della disoccupazione, il programma PSE affronta le sfide sia di raggiungere e mantenere la piena occupazione, a fronte di carenze intrinseche della domanda aggregata, e affrontare il cambiamento strutturale e tecnologico. Una determinata caratteristica dell'approccio PSE presenta anche la possibilità di affrontare la sostenibilità ambientale.

Al centro dell'approccio PSE c’è l'offerta di un lavoro a chiunque sia pronto e disposto al lavoro. Il governo federale paga il pacchetto PSE salario-benefici tramite la spesa a deficit. La disoccupazione è la prova che il disavanzo del bilancio pubblico è troppo basso. Come il governo assume i disoccupati, il disavanzo si espande. Il deficit fermerà la sua espansione quando non ci sarà più alcun disoccupato. A quel punto, il deficit è solo la giusta dimensione che serve per colmare il divario tra il livello di attività del settore privato e la piena occupazione. I lavoratori PSE possono essere impiegati in una varietà di servizi per la comunità. Dal momento che le attività PSE non sono a scopo di lucro, possono essere destinate a promuovere efficienza sociale, vale a dire, più ampi obiettivi macroeconomici e sociali.

Ci sono un certo numero di modi in cui un programma PSE, eseguito sui principi di finanza funzionale, può essere usato per aiutare a promuovere la sostenibilità ambientale. Primo, la finanza funzionale può essere unita ad una riforma fiscale ecologica per rimodellare la struttura del mercato degli incentivi e per promuovere gli obiettivi ambientali. Secondo, la sostenibilità ambientale può essere migliorata con la maggiore flessibilità di un'economia con un settore dei servizi pubblici ben gestiti. In terzo luogo, ulteriori benefici ambientali possono essere derivati dalle attività in cui i lavoratori del servizio pubblico possono essere assunti.

Finanza funzionale e riforma fiscale ecologica.

La finanza funzionale si riferisce ad un approccio alla politica di bilancio che riconosce che nel quadro di un sistema monetario guidato dalle tasse, i governi nazionali non finanziano le loro spese con la tassazione o la vendita di titoli. La moneta moderna non è su un gold-standard e non è garantita da una  qualsiasi altra merce a un tasso di cambio fisso (eccetto nel senso che può essere vista come sostenuta dal lavoro in un sistema di PSE). Così come è formulata da Lerner (1943), la finanza funzionale significa che la spesa pubblica, il prestare, il prendere a prestito, la tassazione, l'acquisto e la vendita dovrebbero essere giudicate solo dagli effetti che tali azioni hanno sull'economia e la società, e non, ad esempio, se in accordo con i principi di una "finanza sana". Non ci sono particolari relazioni tra, ad esempio, la spesa pubblica e le entrate fiscali, e se queste siano 'buone' o 'cattive' di per sé, indipendentemente dall'impatto che la politica di bilancio ha sull'economia. Quindi, se un deficit di bilancio pubblico è buono o cattivo dipende dalle condizioni economiche che esistono in un determinato momento e dagli obiettivi della società.
 
Mentre le tasse e le vendite di titoli non finanziano la spesa pubblica, queste hanno altri scopi (Forstater, 1999b, Bell, 2000). "Le tasse non dovrebbe mai essere imposte come motivi di entrate fiscali "(Lerner, 1951, p. 131, corsivo originale). Piuttosto, lo scopo della tassazione sono "i suoi effetti sul pubblico nell’influenzare il suo comportamento economico" (ibid.). Allo stesso modo, il "prestito" non è un'operazione di finanziamento; le vendite di titoli sono uno strumento di gestione delle riserve bancarie e che regolano il tasso di interesse overnight (Lerner, 1943, p. 355).
 
La seconda ampia categoria di comportamenti che la tassazione è volta a modificare sono quelli  considerati indesiderabili. Una tassa colpisce le merci non salutari (o "dannose"), o le tecnologie e i  comportamenti indesiderati, per scoraggiare le persone ad acquistare e utilizzare questi elementi o impegnarsi in tali attività. Si noti qui che questo tipo di tassa non è destinato di generare entrate. L'obiettivo non è quello di aumentare le entrate, ma di influenzare il comportamento. Infatti, il successo della tassa può essere misurato con precisione da quante poche entrate genera. Minore è la quantità di entrate generate, meno spesso le persone acquistano il prodotto utilizzando la tecnologia o impegnandosi nel comportamento. Se le entrate generate sono notevoli, significa che l'imposta non è riuscita a scoraggiare il comportamento. Allo stesso modo, i crediti d'imposta o i sussidi hanno lo scopo di incoraggiare certi comportamenti.
 
Una riforma fiscale ecologica (che comprendesse non solo le tasse, ma anche i crediti d'imposta, le  sovvenzioni, le quote, e simili regolamenti basati sull’incentivazione) si adatta molto bene al quadro della finanza funzionale. La distinzione fatta dagli economisti ecologici tra soldi come informazioni di contabilità, non soggette alle leggi della fisica e le risorse reali, che sono soggette a limiti biofisici, è anche coerente con il punto di vista della finanza funzionale (vedi Daly, 1996, pp 178ff; alcune delle conclusioni di 'sana finanza' che si possono trarre da questa distinzione dagli economisti ecologici, tuttavia, non sono coerenti con finanza funzionale).
 
Una riforma fiscale ecologica parte dalla premessa che le imposte correnti e le strutture normative   della maggior parte delle nazioni moderne non sono coerenti con pratiche sostenibili. Attualmente, le imposte tendono a scoraggiare i comportamenti che dovrebbero essere incoraggiati e incoraggiare comportamenti che dovrebbero scoraggiarsi. Le imposte sul reddito e l’occupazione scoraggiano il lavoro e l'occupazione, mentre le imposte basse e anche i sussidi per non rinnovabili e rinnovabili, l’estrazione delle risorse e sulle tecnologie "sporche", tendono ad incoraggiare un insostenibile esaurimento delle risorse e l'inquinamento. In altri casi, i comportamenti possono essere attualmente tassati nella giusto modo, ma o le tasse (o agevolazioni fiscali) non sono abbastanza forti, o hanno bisogno di essere affiancate da politiche complementari per avere un effetto più completo. La maggior parte delle proposte di riforma fiscale ecologica supportano lo "spostamento della tassa", togliendo le imposte sul reddito, sull'occupazione, sull'innovazione e spostandole verso imposte sull’esaurimento delle risorse e sull’inquinamento (vedi Hawken, 1993; Prugh, et al, 1995;. Costanza, 1997; Lamb, 2001; Roodman, 1998). Si supportano anche crediti d'imposta e contributi (così come alcuni cambiamenti complementari nelle strutture normative) per promuovere la ricerca e lo sviluppo di fonti energetiche alternative e delle tecnologie, del riciclaggio, con l'attuazione di pratiche più sostenibili. Una tassa sulla terra è spesso raccomandata, come pure eventuali modifiche della struttura fiscale in materia di edilizia residenziale e commerciale, degli edifici e della posizione.
 
Gestire il valore del denaro dello Stato richiede una base imponibile. La tassazione deve essere abbastanza forte da generare una domanda sufficiente affinché la valuta mantenga il suo valore. La  riforma fiscale ecologica di solito inizia con una sorta di proposta di cambiamenti 'neutri sul reddito’,  ma all'interno di una prospettiva di finanza funzionale le entrate non sono un problema. Le proposte di imposte fondiarie e sulle costruzioni degli economisti ecologici possono essere adottate per soddisfare la necessità di una tassa di base per mantenere il valore della moneta. Un approccio di finanza funzionale a una riforma fiscale ecologica potrebbero quindi iniziare con l'eliminazione nelle buste paga federale e dai redditi (inclusi i profitti?) delle tasse, con l'adozione di alcune tasse sui terreni e sulle   costruzioni (la tassazione dei redditi alti potrebbe ancora avvenire, ma ai fini della redistribuzione, piuttosto che della generazione di reddito).
 
La proposta dietro a una tassa sul valore dei terreni, a differenza delle imposte 'immobiliari', che combinano il valore del terreno e delle imposte di costruzione, ha le sue radici nelle idee di solito associate a Henry George, ma che possono anche essere trovate in altri economisti classici (al contrario che nei neoclassici), come Adam Smith. La proposta di base è quella di tassare parte del valore della  terra che non ne è il ricavato, ad esempio, la parte che deriva dalla sua posizione. L'imposta è destinata a scoraggiare il fatto che la terra sia un bene speculativo, e per spostare la base primaria per la terra  dall’acquisizione al suo valore d'uso (Daly e Cobb, 1989). L'intuizione è che i prezzi dei terreni sarebbero regolati in modo che, anche con l'imposta fondiaria, le linee di fondo rimangano le stesse (vedi Roodman, 1998). L'imposta può essere combinata con le leggi urbanistiche, alcuni rinvii, introduzioni graduali e altre norme complementari per la promozione dei comportamenti desiderati e la  prevenzione di quelli indesiderati, ad esempio, scoraggiare la crescita disordinata, non danneggiare gli  agricoltori. Ci sono anche versioni di questa proposta che cercano di risolvere i problemi di equità, ad esempio, non penalizzando coloro che hanno acquistato in diversi accordi istituzionali.
 
Costruire un sistema di tasse, sole o come parte di imposte immobiliari, a differenza delle imposte sul valore locativo dei terreni, non scoraggia i miglioramenti, le riparazioni, e gli aggiornamenti. Alcuni edifici, le dimensioni dell'edificio e alcune funzioni degli edifici, possono essere scoraggiate per ragioni ambientali, ma alcuni miglioramenti non devono essere scoraggiati. Questo è abbastanza semplice: non tassando le migliorie sul risparmio energetico, ecc. ecc. Le imposte sul valore dell’affitto dei terreni, con alcune tasse sulle costruzioni, possono quindi essere combinate per servire come tassa base per la valuta. Altre imposte federali possono essere utilizzati per influenzare il comportamento.
 
Cambiare la struttura fiscale e quella regolamentare è una parte molto importante del passaggio alla sostenibilità ambientale. I mercati fanno bene alcune cose, mentre altre cose non le fanno così bene. La storia ci ha mostrato che i mercati non necessariamente soddisfano le condizioni biofisiche per un un'economia sostenibile, e anche contribuiscono abbastanza al contrario. Ma le forze di mercato possono essere modellate e guidate in modo che diventi più conveniente e vantaggioso utilizzare risorse con saggezza e limitare l'inquinamento, in modo che valga la pena di passare a tecnologie più pulite e di  riciclare. Tasse, crediti d'imposta e sussidi, quote, licenze, prestiti a basso e senza interesse, e altre imposte con le politiche di regolamentazione devono penalizzare i comportamenti insostenibili e ricompensare quelli verdi. Tali politiche possono contribuire a creare nuove industrie e rendere le altre  obsolete. Essi possono alterare la distribuzione geografica della produzione in modo che sia coerente con capacità locale di assimilazione.
 
Spesso le tasse ambientali e i regolamenti saranno in opposizione al business delle imprese, perché significano un aumento dei costi. Ci sono diversi importanti fattori che tuttavia devono essere riconosciuti qui. In primo luogo, se le tasse e le norme avessero effetto su tutte le imprese (o tutte le imprese di un settore) allo stesso modo, allora la loro posizione competitiva non dovrebbe essere interessata. Secondo, modifiche per premiare i più “puliti”, le imprese più efficienti e punire gli “sporchi”, quelli inefficienti. Che importa se alcuni veri e propri sporchi mostri di inefficienza “vanno sotto”? Le aziende che sono a metà possono decidere se vogliono muoversi verso pratiche sostenibili o meno, ed è possibile che le imprese che vogliono andare verso il verde possano essere idonee anche per aiutare a fare questa transizione. Ad esempio, i prestiti a basso o senza interessi, altre risorse e gli incentivi, potrebbero essere offerti ad alcune imprese che vogliono passare a processi più puliti. In terzo luogo, se le tasse portano a prezzi più elevati e minore produzione è possibile che questo sia un maggior riflesso dei veri costi sociali della produzione. Quindi non è come se si trattasse di nuovi costi così tanto quanto questi costi nascosti diventano espliciti e ridistribuiti sui produttori e sui consumatori del prodotto. La tariffazione al costo pieno dovrebbe essere l'obiettivo. Quarto, fino a quando i costi saranno nascosti o esterni, il sistema dei prezzi non funzionerà per promuovere l'innovazione. I maggiori costi e i prezzi più elevati dovrebbero promuovere l'innovazione nei soli settori in cui è auspicabile. Finché le pratiche non sostenibili saranno sovvenzionate, sia dalla politica o attraverso le esternalizzazione, la ricerca, lo sviluppo e l'adozione di alternative saranno meno convenienti e redditizie. Se i prezzi della benzina sono stati abbastanza elevati, si dovrebbe iniziare a vedere un’alternativa diventare più attraente. In quinto luogo, queste tasse sono evitabili - anzi, a differenza del reddito e dalle tasse sul lavoro, si tratta di tasse che vogliamo siano evitate alla gente.  In sesto luogo, i maggiori costi durante la transizione verso processi più puliti saranno compensati dalla riduzione delle imposte in altri settori.
 
L’uso delle quote di esaurimento può essere uno strumento utile per promuovere l'uso sostenibile delle risorse ed avere dei livelli di emissioni in linea con la capacità di assimilazione dell'ambiente (vedi Daly e Cobb, 1989; Daly, 1993, pp 340ff). Ci sono una serie di vantaggi per la riduzione dell’esaurimento delle risorse. In primo luogo, la riduzione è più facile da monitorare e da controllare rispetto all’inquinamento. In secondo luogo, la riduzione dell’esaurimento non solo affronta le condizioni biofisiche con il rispetto delle risorse naturali, ma anche con il rispetto della capacità di assimilazione, in quanto la riduzione dell’esaurimento dei combustibili fossili, riduce anche l'inquinamento.
 
Daly sostiene anche che ci sono vantaggi nelle quote, maggiori delle imposte sulle risorse naturali. Le tasse non garantiscono alcun limite massimo per il tasso di utilizzo delle risorse. Le quote fissano un limite definito per la quantità totale di una risorsa naturale utilizzata nel corso del tempo. Inoltre, se il denaro risparmiato riducendo l’esaurimento di una risorsa a causa delle tasse è rispeso su altre risorse, si può solo modificare la distribuzione dell’impoverimento delle risorse, che potrebbe essere o non essere ulteriormente sostenibile.
 
La proposta di Daly è di una ripartizione del mercato delle quote tramite asta di governo per diritti di quota. Mentre il governo agirà come un monopolista, gli acquirenti di diritti di quota si comporteranno in modo competitivo. I compratori potrebbero essere limitati ad un certo numero di permessi e per un certo numero di permessi di una data risorsa, per promuovere una maggiore concorrenza (Lamb, 2001, pag. 295). Il Governo avrà una rendita scarsa. Ma i prezzi più elevati delle risorse promuoveranno un uso più efficiente delle risorse e l'innovazione tecnologica, aumentando sia conservazione e diminuendo  l’inquinamento. Inoltre, il riciclaggio sarà promosso dai prezzi più elevati. Per le risorse non rinnovabili, con una valida alternativa rinnovabile, la quota deve essere impostato in modo che il prezzo della  non rinnovabile sia almeno altrettanto elevato di quella rinnovabile. Le quote possono anche essere ridotte  nel tempo, permettendo una transizione alle alternative. I permessi potrebbe avere una vita di un anno, in modo che la quantità totale possa essere modificata in funzione dell'evoluzione della situazione. Gli ambientalisti possono scegliere di acquistare i permessi e non usarli.
 
Anche con le quote di esaurimento, le tasse sull'inquinamento saranno comunque necessarie. Le tasse possono essere inizialmente basse ed essere sincronizzate nel tempo qualora sostanziali correzioni dovessero essere fatte. Il vantaggio principale delle tasse in merito alla regolamentazione diretta è che tassare ogni unità di inquinamento fornisce un incentivo a ridurlo il più possibile, mentre semplicemente impostando un limite alle emissioni non dà un incentivo a ridurre le emissioni di inquinamento oltre il massimo consentito. Un aspetto negativo della tassazione dell’inquinamento è che non garantisce che le emissioni possano essere ridotte ad una quantità che è coerente con la capacità di assimilazione. Un modo per fare questo sarebbe tramite un regime di permesso dell’inquinamento negoziabile. La quantità totale di inquinamento è determinata, e il mercato alloca la distribuzione. La capacità di assimilazione, locale e globale, deve essere considerata, così la maggior parte dei permessi sarà commerciabile solo all'interno di una certa area.
 
Tasse e regolamenti devono anche essere applicati a vari materiali, come pesticidi e fertilizzanti, per prevenire l'erosione del suolo e la perdita di biodiversità. Incoraggiare il movimento verso l'agricoltura biologica costituirà anche un movimento verso pratiche di lavoro di più alta intensità, in grado di promuovere la domanda di lavoro. Sarà necessario applicare anche controlli sulle autorizzazioni della terra. Agevolazioni fiscali e sussidi possono essere utilizzati per incoraggiare la recinzione e la gestione di vegetazione autoctona (Lamb, 2001, p. 298). Le imposte possono anche essere usate per influenzare non solo la produzione ma anche il consumo. Possono essere utilizzate imposte sui beni di consumo che danneggiano l’ambiente in particolare sugli articoli di lusso.
 
Le agevolazioni fiscali e i sussidi possono essere utilizzati per cercare di promuovere la ridistribuzione localizzata dell’industria. L'ecologia industriale è un settore in crescita che deve essere promosso (Jackson, 1993; Allenby, 1998; Dorf, 2001). In un parco di ecologia industriale, più imprese si trovano in prossimità geografica. I rifiuti e gli altri residui sottoprodotti di una industria vengono utilizzati come input da altri. Il tentativo è di chiudere completamente il ciclo nella produzione e dei rifiuti.
 
Questo non è in alcun modo una panoramica completa delle politiche fiscali e di regolamentazione di un importante piano di sostenibilità. Tali proposte di riforma fiscale ecologica sono già esistenti e trattate  sopra. La “passione” delle attuali proposte è la loro adesione ai principi della finanza sana. Il punto qui è  mostrare come un piano di riforma fiscale ecologica possa essere basato sui principi della finanza funzionale e dare alcuni esempi di qualche politica nella quale potrebbero essere utilizzati.

continua su parte 3 


Fonte: http://www.cfeps.org/pubs/wp/wp13.html
Fonte immagine: http://cas.umkc.edu/econ/economics/faculty/Forstater/images/umkcbanner.jpg

Traduzione a cura di Luca Pezzotta

_________________________________________________________________________________________________