Cerca in Biblioteca

Archivio

Powered by mod LCA

Donazioni

Puoi fare una donazione tramite IBAN: IT53M0335901600100000101247 oppure con Paypal

Importo:  Valuta:

Hayek e le origini del neoliberismo

La stessa critica della teoria dell'equilibrio generale che Hayek aveva avanzato ... aveva minato il suo stesso progetto di ricerca sull'equilibrio e [il] ciclo economico come strutturato nei primi anni del 1930.

Nell’intento di costruire un approccio dinamico ispirato dalla teoria dell'equilibrio generale (tale era l'intenzione e aspirazione originale), la riconciliazione tra l'equilibrio e il ciclo si è rivelato impossibile, dal momento che non risultava esserci alcun modo per incorporare aspettative deluse e trasformarle in modelli di equilibrio. Il risultato è stato raggiunto da Hayek stesso come anche da Lindahl e Hicks, mentre stavano ripensando un nucleo comune di domande analitiche circa l’equilibrio lasciate aperte dalla scuola di Losanna. Si è rivelato essere non la debolezza provvisoria di un progetto di ricerca incompleto, ma una consistente difficoltà teorica, che ha portato il progetto ad un vicolo cieco. Nel 1937 gli sforzi di Hayek per incarnare le aspettative e il cambiamento nella struttura dei modelli di equilibrio non erano tanto una soluzione all’insolubile problema quanto l'inizio di una nuova indagine, che ha portato Hayek praticamente ad abbandonare l'impalcatura dell’equilibrio.


Nel 1940 il progetto di ricerca di Hayek si è arenato a causa di difficoltà nella teoria del capitale. La “Teoria pura del capitale” ... segna un altro punto critico sul percorso ambizioso per la fusione di equilibrio e del ciclo, partendo dalla visione austriaca del capitale come investimento di risorse in sequenze temporali strutturate. Le complessità prevalsero e Hayek rinunciò al progetto di integrare la teoria monetaria nella sua teoria del capitale ... Intanto Hayek si stava muovendo in altre direzioni, nuovi incarichi lo avevano assorbito, lasciando che il programma di ricerca precedente prendesse il secondo posto nella sua mente. In realtà, non è mai stato ripreso. (Ingrao 2005: 244-245).


Passi tradotti da: Ingrao, B. 2005. “When the Abyss Yawns and After. The Correspondence between Keynes and Hayek,” in M. C. Marcuzzo and A. Roselli (eds.), Economists in Cambridge. A Study Through their Correspondence, 1907–1946. Routledge, London. 236-256.

traduzione di Alberto Mantova

http://socialdemocracy21stcentury.blogspot.se/2013/02/philip-pilkington-on-hayek-and-origins.html