Cerca in Biblioteca

Archivio

Powered by mod LCA

Donazioni

Puoi fare una donazione tramite IBAN: IT53M0335901600100000101247 oppure con Paypal

Importo:  Valuta:

Disoccupazione ad oltranza "uno sfogo da un pezzo della società"

In un momento in cui il lavoro è fortemente diminuito, quel poco rimasto viene conteso a suon di "ribassamenti estremi" delle spettanze professionali. La contribuzione alla cassa di previdenza, non andando certo in "tendenza" al periodo fortemente deflattivo, aumenta di anno in anno. Conseguenza di questo "DISEGNO" l'aumento della disoccupazione (professionista che cancella la sua posizione) sarà in forte ascesa.

 

Fonte: cassa italiana previdenza e assistenza geometri

 

Quest'immagine mostra gli aumenti per quanto riguarda la cassa di previdenza Geometri, ma è matematicamente certo che la situazione mostrata, se pur con altre cifre, è avvertita in ogni settore delle liberi professioni. Il futuro è esattamente privo di prospettive e a chi, ancora, si ostina a pensare che "la crisi" passerà perché lo spread, il PIL, le riforme sul lavoro, i mercati, la luce in fondo al tunnel, gli scappellamenti a destra e men che meno le locuste che aggrediranno l'eventuale ritorno alla valuta sovrana, dico: svegliatevi OGGI perché domani è già troppo tardi.

L'amarezza più profonda nasce da alcune consapevolezze.

Eravamo un popolo di persone capaci di creare il futuro proprio e delle generazioni future. Siamo stati un popolo che ha lottato per una reale Democrazia, alla ricerca di quell'ascensione, quasi divina, che avrebbe portato la società ad evolversi nel benessere comune, prendendosi cura di chi sta indietro, di chi è più sfortunato, accompagnandoli per mano e stringendoli a noi perché di noi sono parte. Siamo stati un popolo innovatore, abbiamo apportato significativi miglioramenti in ogni settore della nostra vita, rendendola più serena e lungimirante.

Oggi tutto è cambiato.

Potrei descrivere quel confine immaginario in cui questo cambiamento è avvenuto, non è poi così invisibile. Racconterei di una lenta distruzione del nostro vivere insieme facendo prevalere l'egoismo, il raggiungimento di un benessere del singolo a discapito della collettività e del suo ambiente. Siamo profondamente cambiati, perchè qualcuno lo ha deciso. Lo ha fatto distruggendo il nostro vivere comune e le sue regole. Lo ha fatto attraverso regole, attraverso visioni di un mondo che ha necessità di schiavi per gli occhi di quei pochi a cui il potere economico non basta piu'. Vogliono di piu', vogliono le nostre lacrime, il nostro sangue, le nostre vite. Perché non c'è niente di più di un potere che ti fa sentire un dio.

L'amarezza è sapere, dentro di me, che il cambiamento è possibile e potremmo tornare, già domattina, ad essere quel popolo che eravamo. Vi chiedo aiuto perché questo aiuto possa aiutarVi, perché quest'aiuto conforti i vostri figli, le vostre famiglie, il nostro futuro.