Cerca in Biblioteca

Archivio

Powered by mod LCA

Donazioni

Puoi fare una donazione tramite IBAN: IT53M0335901600100000101247 oppure con Paypal

Importo:  Valuta:

L'ex capo della VOLKSWAGEN ammette l'accusa di corruzione

Classe operaia in svendita

L'ex capo del personale della Volkswagen - Peter Hartz - ha ammesso di aver sostenuto pagamenti illegali verso i funzionari sindacali. La confessione, fatta tramite i suoi legali, è avvenuta all'inizio del suo processo per corruzione in Germania. 

E' stato una sola volta consigliere dell'ex Cancelliere Gerhard Schroeder, ed ora il signor Hartz affronta 44 accuse di abuso di fiducia.

 

La sua confessione sta a significare che probabilmente ora egli potrà ricevere solo una sospensione condizionale della pena e una multa. In realtà avrebbe potuto affrontare fino a 5 anni di carcere. 

Denaro e Vantaggi

Dopo l'incontro con i pubblici ministeri e gli avvocati della difesa all'inizio del processo, il giudice Gerstin Dreyer ha detto “siamo arrivati alla conclusione che sia possibile un accordo sulla sentenza”.

Il signor Hartz, che ha lasciato la VW nel 2005, è accusato di aver corrotto i dirigenti sindacali della casa automobilistica tramite contanti e altri incentivi come ad esempio dei soggiorni in luoghi di vacanza. 

Inoltre egli è stato accusato all'inizio del processo anche di utilizzare i fondi della compagnia per pagare prostitute, ma i pubblici ministeri hanno abbandonato subito questa accusa. 

L'opinione dei dirigenti sindacali è importante nelle aziende tedesche, perchè secondo il diritto tedesco tali dirigenti sindacali siedono nel Consiglio di Amministrazione delle società, e devono essere consultati sulla maggior parte delle iniziative. 

L'avvocato del signor Hartz, Egon Mueller, ha detto che nessun'altro nel consiglio d'amministrazione della VW ha mai saputo nulla di tali pagamenti effettuati dal signor Hartz. 

Il signor Mueller ha detto che il signor Hartz ha ammesso personalmente che egli avrebbe pagato illegalmente 1.9 milioni di euro (2.5milioni di $ e 1.2 milioni di £) a Klaus Volkert, l'ex capo del potente Consiglio dei Dipendenti della VW. 

Il signor Volkert è stato arrestato a novembre, ma poi è stato successivamente rilasciato a dicembre e nessuna accusa formale e ufficiale è stata fatta nei suoi confronti. 

Finora, l'altra persona al centro della storia per essere stato accusato di essere in relazione col caso, è Hans Juergen Uhl, che ora si trova con i socialdemocratici di centro-sinistra. 

Un ex membro del consiglio dei lavoratori della VW, è stato impuntato di due accuse, una per essere una sorta di accessorio per l'abuso di fiducia, e l'altra riguarda 5 capi di false dichiarazioni mentre si trovava sotto giuramento. 

Anche se i legislatori federali hanno deciso di revocare la sua immunità parlamentare, cosi da poter essere perseguito, rimane comunque attualmente in parlamento ed ha negato ogni accusa. 


Fonte: http://news.bbc.co.uk/2/hi/business/6269113.stm

Fonte immagine: qui 

traduzione di Francesca Battistelli