Cerca in Biblioteca

Archivio

Powered by mod LCA

Donazioni

Puoi fare una donazione tramite IBAN: IT53M0335901600100000101247 oppure con Paypal

Importo:  Valuta:

Atene culla della democrazia

Atene, partecipanti al meeting organizzato da Epam

Insieme per lottare, insieme per creare un nuovo modo di vivere le nostre differenze

Pubblichiamo il comunicato congiunto redatto dai partecipanti a conclusione della conferenza internazionale di Atene. Ringraziamo Epam per aver ideato ed organizzato questo importante meeting un grazie particolare a Zampra Panagiota, Thanasis Laskaratos e Dimitris Kazakis


Durante il fine settimana dal 30 novembre al 1 dicembre 2013, movimenti popolari ed economisti da tutta europa ed altri Paesi hanno tenuto un importante incontro. Il meeting è stato realizzato su iniziativa di EPAM (Fronte popolare Unito) sul tema "Debito, sovranità monetaria e democrazia".

Dal primo giorno della conferenza, è stato chiaro che tutti i partecipanti hanno avuto punti di vista comuni riguardo al costruire una stretta cooperazione secondo ii seguenti punti:

  1.  Il debito è stato imposto dalle banche attraverso l’euro che ha imprigionato le nazioni e schiavizzato i cittadini.
  2.  Lasciare l’euro a ristabilire la moneta nazionale è la condizione base per riacquistare l’indipendenza e perseguire politiche di piena occupazione.
  3.  C’è bisogno di lasciare l’unione Europea secondo l’articolo 50 del trattato dell’Unione Europea-
  4.  La democrazia emerge come tema critico nello sviluppo politico europeo dove i governi dell’eurozona e – prima di tutto le elite di quei paesi – impongono politiche che portano l’Europa verso un nuovo sistema feudale gestito dai mercati contro gli interessi delle popolazioni.

L’euro, così come ogni altra unione monetaria, presto o tardi collasserà. Più presto ciascun Paese lascierà il sistema euro, meglio sarà.
Il dilemma che le popolazioni europee fronteggiano è: o la dittatura dei mercati o la democrazia ed una economia basata sui bisogni dei cittadini.

Il meeting ha terminato i suoi lavori con importanti conclusioni e la promessa che:

  1. Il significativo incontro di 2 giorni ad Atene è l’inizio di una salda ed attiva cooperazione tra i movimenti che ne hanno preso parte nella cornice di un mutuo rispetto delle identità nazionali di ciascuno.
  2. L’incontro sarà l’inizio della liberazione delle popolazioni europee, le quali meritano di costruire la propria democrazia e la propria economia.
  3.  I partecipanti, sebbene siano rappresentativi di movimenti democratici contro ogni forma di estremismo, soffrono per essere ignorati da tutti i principali media. Tuttavia, essi hanno osservato che in ogni Paese gli stessi media garantiscono un estesa copertura mediatica ai partiti dell’estrema destra, disorientando in realtà i cittadini con la necessità di uscita dall’euro e dall’Unione Europea con l’ideologia di estrema destra.
  4.  tutti i partecipanti a questo incontro internazionale si sono impegnati ad intensificare i loro sforzi e diventare attivi nell’incrementare il numero dei movimenti – in tutta l’europa cosi come nel mondo – sui punti delineati nell’Incontro di Atene.

Firmato da:

1) EPAM – GRECIA
2) UNION REPUBLICAINE POPULAIRE– FRANCIA
3) PER IL BENE COMUNE – ITALIA
4) ASOCIACION DEMOCRACIA REAL YA – SPAGNA
5) CAMPAIGN FOR AN INDIPENDENT BRITAIN - BRITAN
6) ALZA IL PUGNO –EUROTRUFFA – ITALIA
7) ECONOMIA PER I CITTADINI –ITALIA
8) NATIONAL PLATAFORM –IRLANDA
9) MOUVEMENT POLITIQUE D’EMANCIPATION POPULAIRE –FRANCIA
10) IPU - FINLANDIA